Pesca al sarago

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Pesca al sarago

Messaggio  Alessio il Lun Mag 16, 2011 12:18 pm



Il Diplodus, piu' comunemente conosciuto con il nome volgare di Sarago, e' una tra le specie piu' ambite dai pescatori sportivi. Si differenzia in diverse specie e generi, ma quelli che piu' ci daranno possibilita' di cattura, saranno il sarago pizzuto (Puntazzo puntazzo) e il sarago fasciato (Diplodus vulgaris).
Qualsiasi sia la tecnica usata, surfcasting, ledgering o pesca con il galleggiate, la sua cattura puo' essere tanto abbondante, tanto scarsa o inesistente, nonostante le tecniche sopraffini e mirate.
La sua classificazione nella catena alimentare marina, non lo collocano di certo in cima. E' preda ambita di grossi Branzini, Leccie Amia e pesci Serra. Soprattutto branzini e leccie, quando gli stessi si radunano in folti branchi a caccia di cibo. In compenso pero', madre natura li ha muniti di caratteristiche morfologiche, in grado di trasformarli in grufolatori da caccia, capaci di resistere alle correnti piu' avverse ed individuare cibo anche a grosse distanze.
Il loro apparato boccale, e' munito di forti denti aguzzi in grado di spezzare, strappare e maciullare qualsiasi cosa sia alla portata della loro mandibola.
In natura si cibano di tutto, qualsiasi cosa sia commestibile e facile da catturare, anche se generalmente brucano le scogliere in cerca di mitili e ricci, cibo posto in cima alla loro alimentazione.
Il loro habitat e' la scogliera, il porto o qualche relitto sommerso, qualsiasi posto non piu' profondo di un centinaio di metri e che offra riparo e cibo in abbondanza.
Nei nostri mari e' presente tutto l'anno, anche se le catture migliori avvengono in autunno ed a primavera.

Sono pesci di branco, difficilmente si distaccano da esso, tranne poche eccezioni relative agli sparlotti o a quelli di grossa taglia. Amano le ore notturne e la turbolenza, dove abbandonano le loro tane per recarsi in cerca di cibo.
Saranno proprio le ore notturne e le condizioni meteo marine avverse, a spingerci in una pesca possibilmente mirata a questo fantastico e buonissimo sparide.
Presupposto che se si vuol far carniere, le condizioni ideali devono esserci tutte, vediamo come insidiarlo con le varie tecniche
.

Pesca del Sarago da Riva a Galleggiante
Per resistere in pesca, in condizioni meteo marine da surfcasting, abbiamo bisogno di due cose fondamentali: ottima attrezzatura ed una scogliera naturale o artificiale a breve distanza.
La canna dovra' essere robusta ma al contempo leggera, dovrà resistere abbastanza bene al presumibile vento e quindi sono da scartare canne lunghe. Una canna inglese tre pezzi non piu' lunga di 3.90 metri oppure una canna bolognese da 4 metri, sono da considerarsi le attrezzature migliori in caso di vento moderato o forte.
Il mulinello, puo' avere una taglia variabile tra' i 2000 ed i 4000, l'importante e' che sia leggero e bilanci bene la nostra canna. Il mulinello andra' imbobinato con monofilo in nylon 0.16 massimo 0.18. monofili piu' grossi sono inutili, pur essendo il sarago un pesce combattivo, lo si spiaggia senza grosse difficolta', anche con uno 0.14.
Veniamo ora alla montatura. Viste le assodate condizioni marine, sono da scartare galleggianti a pera, a penna o qualunque altra forma studiata per affondare a meraviglia.
Sono da preferirsi galleggianti di tipo sferico piombati, riescono a resistere bene alle onde senza affondare creando falsi allarmi. Andranno scelti in grammature da 4 a 10 grammi. Queste grammature ci consentiranno di scagliare le nostre esche anche a 30 metri dalla battigia. Il galleggiante andra' posto direttamente sulla lenza madre, fermato da due perline e due stopper, posti alla distanza di circa 5-10 cm.
Questo oltre a garantirci la taratura in lunghezza del terminale, fara' anche in modo da lasciare piena liberta' al galleggiante in modo da assecondare correnti e turbolenze senza creare alcun tipo di garbuglio.
Il terminale avra' una lunghezza pari circa ai 2/3 del fondale nella zona di pesca, composto da un buon fluor carbon 100% in misura 0.14-0.16. Il fluor carbon ci aiutera' non poco, nel tira e molla, resistendo alla micidiale dentatura dello sparide.
L'amo e' da scegliere in base alle esche che utilizzeremo, non storcete il naso, ma la principale sara' il mitilo, che andra' innescato su amo beak n° 8 mediate un robusto ago da innesco dove verra' creato un salsicciotto usando filo elastico.
L'azione di pesca e' tra le piu' semplici. Lanci contro corrente mirando al primo gradino di risacca. La lunga e scocciante pre-sgusciatura dei mitili, verra' ricompensata dalle catture sicure che avverranno.

Pesca del Sarago da Riva a SurfCasting
Tra le varie tecniche di pesca da riva, pescando a surfcasting e' fondamentale la ricerca dei settori.
Il terminali in questo caso saranno corti e robusti e le montature da preferire saranno di tipo pater noster a due o tre ami a seconda della lunghezza della canna.
I settori migliori sono due, quelli rettilinei e le buche, ricordate? I saraghi sono principalmente dei grufolatori, anche se sguazzano anche nei settori piu' schiumosi.
Nel caso di pater noster con tre' ami, realizzeremo dei braccioli cortissimi, tra i 30 ed i 40 cm, realizzati con del buon fluor carbon con diametro 0.30.
Gli ami restano legati all'esca, in questo caso strette e lunghe striscioline di seppia, innescate come vermi mediante ago, saranno l'esca vincente. Gli ami utilizzabili sono due, beak n° 6 o un aberdeen n° 4.
Altre esche sono il micidiale mitilo come per la pesca con galleggiante ed il mezzo riccio. Quest'ultimo pur essendo eccezionalmente catturante, evito di spiegarvi le procedure d'innesco perche' specie protetta e perche' a me i ricci stanno simpatici.
Le esche “alternative” sono : americano, muriddu, arenicola, vermella, patella e pane, si il pane e' particolarmente apprezzato dai saraghi, ma restare in pesca con la pastella e' un impresa quasi impossibile.
avatar
Alessio
Admin

Messaggi : 48
Data d'iscrizione : 15.05.11
Età : 28
Località : genova

Vedi il profilo dell'utente http://forum-pesca-ale.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum